Nata nel 1996, l'Associazione Italiana Sindrome di Williams ha lo scopo di aiutare le famiglie, fornendo una corretta informazione sugli aspetti clinici, riabilitativi, educativi, sociali e legali connessi alla patologia.
L'associazione, che ha sede a Roma, si propone di promuovere la ricerca scientifica e la diffusione delle conoscenze sulla malattia, favorendo una migliore accettazione e integrazione dei pazienti nella famiglia, nella scuola e nella società.
Allo scopo di costituire in Puglia una sede regionale l'associazione ha promosso, con la collaborazione del Ce.Se.Vo.Ca., la realizzazione di un convegno che si terrà il prossimo 26 novembre 2005 alle ore 09.00 a Foggia presso la sede della Fondazione Banca del Monte in Via Arpi.  


La sindrome di Williams è una malattia piuttosto rara (ha un'incidenza di un caso ogni 20.000 nascite) che colpisce i bambini.
Non è ereditaria, né è dovuta a fattori medici, ambientali o psicosociali.
Descritta per la prima volta nel 1961 da J.C.P. Williams, cardiologo della Nuova Zelanda, la causa è una microlesione del gene, situato all'interno del cromosoma 7, che regola la sintesi dell'elastina.
Questa è una proteina distribuita in diversi tessuti del corpo la cui mancata produzione provoca gravi problemi a carico del cuore e delle articolazioni, influendo anche sull'aspetto fisico dei malati.

Visualizza la locandina.